Comunicato stampa – Programmi a confronto/3: De Angelis senza idee sui rifiuti, i Cinque Stelle giocano all’urbanistica

ANZIO (7/6/2018, ufficio stampa) – Mancano ormai poche ore al voto visto che i cittadini sceglieranno, domenica, sia il candidato sindaco sia i consiglieri comunali ma anche il programma amministrativo. In questo mese le proposte di Giovanni Del Giaccio, giornalista e scrittore, sono state oggetto di confronto con esperti in diversi settori, dalla visione della città al bilancio del Comune passando per tante altre dinamiche fondamentali della vita di un territorio speciale come il nostro, ma anche dimenticato in vent’anni di mala amministrazione.
Proprio per dare un segnale costruttivo abbiamo voluto confrontare i programmi presentati anche da altri e siamo convinti di avere indicato soluzioni pratiche, a fronte di chi dimentica addirittura alcune realtà cittadine.

RIFIUTI – Proprio come le strade, ormai ridotte a un colabrodo, quello dei rifiuti è uno snodo cruciale e in questo ambito le nostre idee sono chiare: serve l’ingresso in una società pubblica virtuosa. L’imperativo deve essere più differenzi meno paghi con un reale e funzionale “porta a porta”. Fondamentale la parte dei controlli e delle sanzioni reali, anche attraverso strumenti tecnologici da far funzionare
Sui rifiuti Candido De Angelis, consigliere della maggioranza uscente ed ex sindaco, vuole rivedere un appalto intorno al quale si è “giocato” fin troppo, fra chi voleva la prima classificata e chi metteva in difficoltà la seconda che alla fine se lo è aggiudicato, e nel programma ha scritto che occorre far partire il compostaggio domestico. Sì, quello per il quale il regolamento non è stato approvato e paghiamo, grazie all’amministrazione uscente, 20.000 euro l’anno per tenere ferme le compostiere.
E i Cinque Stelle? Vogliono “ricominciare da zero rispetto alla gestione” ma intanto non sembrano offrire soluzioni concrete.

URBANISTICA – Altro nodo importante riguarda l’urbanistica. Giovanni Del Giaccio, sindaco di Un’altra città, mette nero su bianco la revoca della variante Puccini e quella del centro, scrivendo che si deve puntare alla riqualificazione e rigenerazione urbana e che va fermato il consumo di suolo. De Angelis, il sindaco di villettopoli e delle case invendute e deprezzate, un danno per l’intera comunità, parla di “verifica e adeguamento dello strumento esistente” in modo generico, mentre i Cinque Stelle si limitano a dire stop alla variante del centro, tacendo sul resto.

IN CONCLUSIONE – “Quando dico che porto il mio metodo professionale anche in questa esperienza – afferma il candidato sindaco Giovanni Del Giaccio – eccone una dimostrazione. Verifica di ciò che viene proposto, soluzioni pratiche per realizzare i punti del programma”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *